Un primo passo per una riforma del diritto di cittadinanza

La Camera dei deputati ha adottato un primo testo che faciliterebbe l’acquisizione della cittadinanza per i bambini nati o cresciuti in Italia. In Senato sarà più difficile trovare un consenso, ma si tratta comunque di un importante primo passo. Ne scrive il Post. Mercoledì la commissione Affari costituzionali della Camera ha adottato come testo base sulla riforma della cittadinanza quello…

Una riforma del diritto di cittadinanza “alla tedesca”

Sono più di 900 mila i figli di immigrati che aspettano la riforma della cittadinanza, dopo gli equivoci creati dallo slogan “ius soli”. I margini per un compromesso in Parlamento ci sono. Sarebbe un errore aspettare la prossima legislatura. L’articolo di Corrado Giustiniani su Lavoce.info. Una riforma necessaria Diciotto anni di residenza ininterrotta, per i figli nati in Italia da genitori…

Sul diritto di cittadinanza non c’è da perdere tempo

Il 17 luglio il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha annunciato il rinvio al prossimo autunno della legge di riforma del diritto di cittadinanza. La legge è stata approvata alla Camera alla fine del 2015 e da tempo si attendeva il passaggio definitivo al Senato per l'entrata in vigore. Tuttavia Gentiloni ha ravvisato delle «difficoltà emerse in alcuni settori della maggioranza» che gli…

La cittadinanza è un diritto o un merito?

Il Parlamento italiano sta discutendo in questi giorni una proposta di riforma del diritto di cittadinanza che prevederebbe «che possa chiedere di diventare cittadino italiano il minore nato in Italia da genitori stranieri, purché abbia frequentato per 5 anni uno o più cicli scolastici presso istituti appartenenti al sistema nazionale di istruzione». Si tratta di uno dei numerosi tentativi…

Luca Serianni e la lingua italiana come cittadinanza

Il 21 luglio è morto lo stimato linguista Luca Serianni. Il quotidiano Domani ha pubblicato la sintesi di una sua lezione dal titolo La lingua italiana come cittadinanza, tenuta a Roma nel 2018. Ne pubblichiamo uno stralcio. Non di rado la Costituzione viene vista da alcuni come un fastidioso vincolo di cui le persone potrebbero fare a meno e si troverebbero meglio. Questo è un errore…

I trent’anni di una legge sulla cittadinanza da cambiare

Pochi giorni fa si celebravano i trent'anni dall'entrata in vigore della legge italiana sulla cittadinanza, la numero 91 del 5 febbraio 1992. Laura Liberto di Cittadinanzattiva ha osservato che la norma nasceva già vecchia, «perché rivolta al passato dell’Italia degli emigranti, scegliendo di privilegiare, tra i modi di acquisto della cittadinanza, il principio della discendenza (ius…

Il pasticcio dell’Inps sul reddito di cittadinanza alle persone con disabilità

Nel dare attuazione a una sentenza della Corte costituzionale del 2020 sulle pensioni d'invalidità, l'Inps ha commesso un errore che ora si ripercuote sulle famiglie con disabilità che percepiscono il reddito di cittadinanza. Quanto successo è sintetizzato da questo paragrafo contenuto su un articolo del sito web Superando: «La citata Sentenza 152/20 della Consulta, vale la pena ricordare,…

Come cambiare il reddito di cittadinanza?

Il cosiddetto reddito di cittadinanza, introdotto nel 2019, dopo un'accoglienza più o meno calorosa da parte delle diverse forze politiche e delle organizzazioni della società civile, appare ormai un punto fermo nelle politiche assistenziali da parte dello Stato. Da più parti, però, si invocano da tempo interventi correttivi per migliorare questo strumento. In particolare, gli aspetti…

Il reddito di cittadinanza rischia di escludere gli homeless

Sta per prendere il via la raccolta delle richieste di erogazione del “reddito di cittadinanza” (tutte le informazioni sul sito ufficiale), ma dall’importante misura di contrasto alla povertà (o meglio di supporto all’occupazione) rischiano di restare esclusi gli oltre 50mila senza tetto presenti in Italia. Come spiega il giornalista Simone Cosimi su Wired, infatti «Il 95 per cento dei senza…

Il reddito di cittadinanza discrimina la disabilità?

Dal primo aprile si potrà fare domanda per ricevere (a partire dal mese successivo, salvo ritardi) il cosiddetto “reddito di cittadinanza”, un sussidio di disoccupazione con alcune clausole che lo rendono di fatto un intervento di accompagnamento al lavoro. La Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap) fa però notare come il decreto, per come è stato scritto, penalizza i nuclei…