Fino al 30 giugno è possibile candidarsi per il bando di Servizio civile presso l’Avis di Legnano. Il progetto “Avis: dono e salute” (settima edizione) prevede la selezione di quattro volontari, che per un anno potranno fare un’esperienza di solidarietà e sensibilizzazione. Il servizio si svolgerà in parte nella sede della nostra associazione e in parte sul territorio, in occasione delle manifestazioni a cui Avis Legnano prende parte e durante gli incontri organizzati nelle scuole primarie e secondarie. L’obiettivo principale indicato nel progetto è infatti «Garantire la raccolta di sangue con un notevole incremento delle donazioni, dei donatori e delle iniziative di sensibilizzazione sul territorio». Oltre all’accoglienza dei donatori nella sede della sezione, per i volontari c’è dunque un altro impegno, quello cruciale in cui sono chiamati a dare qualcosa in più (ma ciò che riceveranno in termini di esperienza e nuove competenze ripagherà pienamente lo sforzo), proprio per contribuire a raggiungere l’obiettivo più importante per un’associazione come Avis: fare un donatore in più.

L’attività di propaganda è una materia molto delicata perché presuppone un mix di saper essere e saper fare che si costruisce nel tempo. In questo, il lavoro “sul campo” è una parte determinante, ma ovviamente tutti i ragazzi e le ragazze selezionate per il servizio civile saranno seguiti con un percorso di formazione che riguarderà l’organizzazione di una manifestazione promozionale, la gestione dell’attività sul territorio (promozione, informazione), nonché alcune nozioni sui principi base della comunicazione. Durante la formazione si fornirà anche una panoramica sul sistema trasfusionale italiano, sulla storia di Avis, sul volontariato in generale, e si trasmetteranno tutte le informazioni relative all’educazione sanitaria e alle norme sulla sicurezza. Come sempre, trovate tutte le informazioni tecniche sulla pagina “Servizio civile” del sito internet si Avis Legnano, mentre la descrizione del progetto si può scaricare da qui.

Vi invitiamo a portare l’attenzione su alcuni dati fondamentali, quali i requisiti necessari, tra cui l’età (uomini e donne che abbiano più di 18 anni e meno di 29 all’atto della domanda). Altro punto fondamentale è la scadenza della domanda, fissata per il 30 giugno 2016 alle 14. La documentazione, con tutti gli allegati elencati sul sito di Avis Legnano, andrà consegnata a mano durante gli orari di apertura della sede di via Girardi 19/G (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17,30, il sabato dalle 8,30 alle 11,30), oppure per raccomandata con ricevuta di ritorno (attenzione: non fa fede il timbro postale), oppure ancora tramite posta elettronica certificata (avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf, all’indirizzo avis-legnano@pec.it).

È bene ricordare che ciò che dà senso all’esperienza del servizio civile è soprattutto la motivazione di chi fa domanda e la sua voglia di entrare in un ecosistema, quello di Avis, che ha come missione quella di diffondere un messaggio di solidarietà, e di rendere tangibile questo concetto col gesto importantissimo della donazione di sangue. Sarà quindi un’esperienza votata al contatto umano a 360 gradi: con i donatori che tutti i giorni visitano la sede per effettuare visite, esami e donazioni (o semplicemente chiedere informazioni); con il personale sanitario e amministrativo della sezione, col quale è importante relazionarsi al meglio in modo da fornire un supporto efficace alle attività quotidiane; con tutti i soggetti esterni con cui collabora l’associazione; e poi, soprattutto, con le persone che i volontari incontreranno durante le molte manifestazioni alle quali saranno chiamati a partecipare per conto dell’associazione. Intercettare persone sconosciute, che magari sono uscite di casa con tutt’altri pensieri, e far sì che dedichino qualche minuto del proprio tempo ad ascoltare ciò che si ha da dire loro, è una sfida avvincente – e non certo facile – che il più delle volte lascia i volontari col morale alto, proprio perché col tempo essi imparano a condividere al meglio il valore del messaggio che sono chiamati a veicolare.

Fonte foto: flickr